Dimagrimento e diminuzione della Densità Minerale Ossea (BMD)

Se si perde peso per un lungo periodo di tempo (>1 anno) in assenza di allenamento si è soggetti ad un elevato rischio di diminuzione della densità minerale ossea (soprattutto nel bacino e nella spina dorsale).

Essenzialmente dimagrire con la sola dieta in assenza di allenamento non è mai ottimale, soprattutto man mano che la massa grassa diminuisce. Anzi diciamo che a meno che non si tratti di persone in forte sovrappeso dimagrire senza esercizio fisico (quello giusto: l’allenamento con sovraccarichi) è pura follia. Più la % di grasso scende e più la frazione del peso perso relativa alla massa magra aumenta.

Quindi l’esercizio fisico:
1- è utile per ottimizzare il dimagrimento in quanto permette il mantenimento e se ben progettato anche l’aumento della massa muscolare anche in condizioni di deficit calorico

2- permette di mantenere o addirittura aumentare la densità minerale ossea.

Contrariamente a quello che si pensa la perdita di grasso è frutto di un bilancio calorico negativo, ovvero di un assunzione calorica inferiore alla spesa energetica. Il ruolo dell’esercizio non deve essere quello di bruciare grasso, ma quello di aumentare o mantenere il più possibile la massa magra.

Non stiamo parlando solo di prestazione fisica ma soprattutto di salute.

The effects of weight loss approaches on bone mineral density in adults: a systematic review and meta-analysis of randomized controlled trials

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *