TECNICA, un’abilità sconosciuta

I principianti dovrebbero iniziare con un manico di scopa per 3-4 settimane e fare migliaia di ripetizioni in modo che la loro tecnica olimpica diventi un engramma motorio.
Per un principiante lo sviluppo di una tecnica decente richiede da due a dieci mesi, con una media di circa sei mesi.
-John Broz-

Ho scelto il video di Lu Xiaojun perché i cinesi sono forse quelli che più rappresentano questo approccio, molti di essi iniziano sin da piccoli e completano migliaia e migliaia di ripetizioni solo con un bastone, e poi i risultati si vedono: una tecnica “eccellente”, “affascinante”, le ripetizioni tutte uguali, anche con carichi massimali. L’obbiettivo (se si vuole diventare bravi in un gesto motorio, che può essere lo Squat per esempio) è ripetere, ripetere e ripetere, l’allenamento della forza inizia dall’allenamento del sistema nervoso, bisogna “stampare” a livello corticale quel determinato gesto motorio, ovvero creare un automatismo motorio. Ho parlato di allenamento della forza ma ho dato per scontato che l’allenamento per il miglioramento della composizione corporea fosse incluso, dai diciamo le cose come stanno:il peso è un mezzo e non un fine è la scusa delle pippe che non riescono ad aumentare i carichi e la finiscono dicendo che il bodybuilding non è powerlifting, o magari giustificano i carichi bassi tirando fuori la connessione mente-muscolo. Purtroppo nelle palestre comuni non si sa neanche cosa sia la tecnica, figuriamoci basare i propri metodi su di essa, pertanto si inizia subito col spronare il soggetto a fare quante più ripetizioni possibili con un determinato carico, badando esclusivamente al quanto si fa piuttosto che al come si fa. Della serie: no pain no gain. vai spacca tutto, ancora una, ecc ecc, queste cose fanno ridere fino a un certo punto, ma se parliamo di una preparazione seria lasciano il tempo che trovano. Se mi chiedessero qual’è il più grande errore che vedo nelle palestre comuni direi: la non consapevolezza dell’esistenza della “Tecnica”. Infatti non si conosce proprio la tecnica degli esercizi, non si conosce neanche l’impostazione figuriamoci la tecnica. Anche il più pirla dei cinesi conosce la traiettoria dello strappo, mentre se venisse chiesta la traiettoria del bilanciere nella panca quanti risponderebbero?

“La pratica non ci rende perfetti, ma la pratica perfetta si.”
-Pavel Tsaotsouline-

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *